PERCHÉ I TESSUTI PENDLETON®?

Quello che segue è un estratto da un'intervista con Leia Pellot di Fashion In/Action della NYU

Leia Pellet:

 

Vorrei iniziare ringraziandoti per aver accettato di partecipare prestando il tuo lavoro ed essere il nostro relatore principale al Fashion In/Action Symposium. La tua maschera Split Shot è stato il primo dei tuoi disegni che ho scoperto su Instagram e sono rimasto colpito dalla bellezza del lavoro che hai prodotto. Sono stato anche colpito dall'attenzione e dalla cura che metti nel produrre ogni pezzo a mano. Il tessuto Pendleton® ha una storia interessante, come azienda non indigena i cui prodotti sono diventati una parte importante della cultura indigena.  

Utilizzi molti tessuti Pendleton® nei tuoi progetti, inclusa la Split Shot Mask; in che modo questa storia ti parla creativamente? Come vuoi che parli alle persone che acquistano e sono interessate al tuo lavoro?

Korina Emmerich:

 

Grazie per avermi ospitato e per aver incluso il mio lavoro nella mostra. È stato un onore lavorare con tutti voi a questa iniziativa e portare l'attenzione su questioni imperative attraverso l'obiettivo dell'abbigliamento.

Il mio lavoro è una fusione di esperienze vissute, oltre a radicarsi nelle mie storie e attingere dal mio background di arti visive. Il mio uso dei tessuti Pendleton®, sebbene più recente, è ora diventato una pietra miliare del visual di EMME Studio. Quando sono cresciuto in Oregon, le coperte Pendleton® erano ovunque. Li avevamo in tutta casa mia - alcuni dotati, altri vinti attraverso lotterie powwow. Sebbene l'azienda stessa non sia di proprietà degli indigeni, le coperte sono diventate una sorta di indicatore culturale pan-indigeno. Sono prevalenti nel circuito powwow, a casa di tua zia, e sono spesso condivisi, dotati o scambiati all'interno della comunità. La mia prima coperta Pendleton® mi è stata regalata dopo il diploma di scuola superiore e ancora oggi giace sul mio divano.

Il Lanificio Pendleton è stato originariamente aperto nel 1895 a Pendleton, nell'Oregon. Tessendo coperte e abiti ispirati alle coperte commerciali dei nativi, i Vescovi, una famiglia di coloni bianchi, videro un mercato per creare queste coperte e venderle alle tribù vicine. La cooptazione da parte del mulino di modelli indigeni, abili tessitori e il suo sostegno ai pastori di lana locali che risalgono alle generazioni precedenti ha consolidato il loro successo di 150 anni. Va anche notato che lo stesso mestiere di tessitura jacquard è stato preso direttamente dalle nazioni indigene dell'Oregon e utilizzato per produrre in serie e acquisire capitali da quelle stesse nazioni vicine.

 

Oggi le coperte e i disegni sono diventati sinonimo dell'identità visiva dei popoli indigeni. E la sua storia non è priva di polemiche. Sebbene abbiano mantenuto una sorta di relazione simbiotica, molti creativi indigeni hanno richiamato l'attenzione sull'insulsa appropriazione culturale dell'azienda, prendendo simboli, arte e idee dagli indigeni senza crediti o compensi immediati. Gli indigeni che scelgono di utilizzare gli indicatori culturali pan-indigeni di Pendleton percorrono una linea sottile tra rappresentazione e appropriazione. Non voglio che quella conversazione venga respinta, perché è qualcosa che disimballo quotidianamente nel mio stesso lavoro.

Fu solo negli anni '90 che Pendleton iniziò effettivamente ad assumere creativi indigeni con cui collaborare. E da allora hanno implementato iniziative per sostenere le comunità indigene, i designer e condividere i profitti, in particolare all'American Indian College Fund e al National Museum of the American Indian.

Quindi la domanda rimane ancora, perché scelgo personalmente di utilizzare i tessuti Pendleton nel mio design? Dato che abbiamo visto marchi non nativi da Lindsey Thornburg a Opening Ceremony trarre profitto dall'uso del nostro lavoro tradizionale, che sia ispirato o meno, c'è un senso di recupero nell'essere un designer indigeno che lavora con questi tessuti che sono ancora così diffusi all'interno delle nostre comunità. Ho l'opportunità di creare pezzi per tutte le persone. Siamo in un momento in cui così tanti consumatori chiedono: "Posso, come persona non autoctona, indossarlo?" La risposta clamorosa che diamo è SI, perché il design non è radicato nelle pratiche cerimoniali o nella tradizione. Se lo fosse, non te lo venderei. Non lo venderei a nessuno. Non venderei le mie tradizioni per il capitale.

Anche da bambino del Pacifico nord-occidentale, c'è un senso di orgoglio nel lavorare con questi materiali che sono tessuti a mano nel mio stato natale da pastori di lana locali. L'azienda è impegnata in pratiche sostenibili e rinnovabili e riconosce la circolarità intrinseca del proprio prodotto. Qualcosa di estremamente importante per EMME Studio.

Continua a leggere l'intervista completa qui...